CBD è una soluzione per la gotta

La gotta è una forma dolorosa di artrite, che la cannabis light, ad alto tenore di CBD, può combattere. La gotta è quindi una malattia infiammatoria estrema dell’articolazione, è una forma molto dolorosa di artrite, molto comune negli uomini sopra i 30 anni, ma anche nelle donne dopo la menopausa.

La crisi di gotta

La gotta è causata da un accumulo di acido urico nel corpo (iperuricemia). Questo porta allo sviluppo di depositi cristallini nell’articolazione e nei tessuti molli, provocando una reazione infiammatoria nell’articolazione e nei tessuti che circondano l’articolazione: è l’attacco di gotta. Di solito l’alluce è più spesso colpito. Ma può colpire anche polsi, dita, caviglie e gomiti. In alcuni casi, il dolore della gotta è così grave che anche un lenzuolo leggero può causare un dolore acuto.

L’acido urico attacca le articolazioni

La gotta è causata dal consumo di alcuni cibi: reni, fegato, frutti di mare, alcol, caffeina, sardine, acciughe, fagioli secchi, lenticchie ed estratti di carne. Per questo, spesso, viene prescritto il cambiamento dello stile di vita e il fatto di mangiare meglio. Per combattere il dolore lancinante, i medici prescrivono farmaci antinfiammatori non steroidei. Sebbene possano causare effetti collaterali come diarrea, nausea, vomito, ulcere gastriche, ritenzione di liquidi, sanguinamento e reni danneggiati.

I problemi gastrointestinali sono gli effetti collaterali più comuni. E questi farmaci contribuiscono a più Ricoveri e a più decessi all’anno. La frequenza della gotta è raddoppiata negli ultimi anni per diverse ragioni: aumento dell’aspettativa di vita, aumento dell’obesità e delle sue complicanze (malattie cardiovascolari), aumento della malattia renale cronica, dieta squilibrata, uso di molte droghe… La cannabis è adeguata contro questo tipo di sofferenza: i pazienti non hanno più bisogno di fare affidamento su analgesici che creano dipendenza.

Il CBD limita i linfociti

La cannabis è stata utilizzata fin dall’antichità per alleviare l’infiammazione e il gonfiore in varie parti del corpo. Sono stati condotti diversi studi per analizzare gli effetti della cannabis sulle persone con gotta. Le proprietà analgesiche e antinfiammatorie della cannabis sono note. La cannabis medica può essere assunta per trattare il dolore di gotta: unguenti, balsami topici e versioni per inalazione convenzionali forniscono un sollievo significativo. La terapia con cannabis occorre accompagnarla con un regime alimentare appropriato per affrontare la causa principale della malattia.

La cannabis con alti livelli di CBD può essere utile nel trattamento della gotta. Il CBD diminuisce i linfociti nel corpo, i globuli bianchi che contribuiscono all’infiammazione. In uno studio condotto su topi che avevano forme di artrite reumatoide, si è scoperto che, con la somministrazione del CBD, l’infiammazione si riduceva di quasi 50%. Un altro studio è stato condotto sull’uomo, con l’intenzione di determinare se la cannabis è efficace nell’alleviare il dolore alle articolazioni artritiche. Il CBD allevia il dolore notturno alle articolazioni, causato dall’artrite.

In tre anni si è scoperto che i cannabinoidi erano utili nel controllo dei segnali di dolore inviati dalle articolazioni colpite al cervello. Si sono riscontrati miglioramenti significativi nella qualità del sonno, dolore a riposo e movimento in pazienti con artrite reumatoide quando venivano somministrati farmaci a base di cannabis.

Ceppi ricchi di CBD

I ceppi ricchi di CBD sono i più utili per il trattamento dell’infiammazione. Un’erba medicinale equilibrata è altamente raccomandata per la gotta. Di THC (sotto il 0,5%) e alto contenuto di CBD (6-17%). Usata per trattare il dolore, gli spasmi muscolari, ansia, emicrania e un’ampia varietà di  sintomi fisiologici e psicologici. La ricerca di una dose adeguata di CBD sarà più piacevole che soffrire degli effetti collaterali degli antidolorifici.