Il CBD per la salute dei neuroni

Il CBD, come confermato da tempo, ha effetti anti invecchiamento e neuroprotettivi. Ora, grazie all’avanzare della ricerca, si tenta di chiarire i reali meccanismi responsabili di questi effetti positivi sull’organismo. Il recente studio, e’ mirato ad approfondire  il ruolo del CBD sulla salute e sulla longevita’ dei neuroni: e’ stato pubblicato su GeroScience, Questa ricerca sulla biologia dell’invecchiamento e della longevità si è concentrata sui singoli processi cellulari e molecolari coinvolti nel processo naturale dell’invecchiamento, sulla degenerazione biologica  graduale che si verifica nella maggior parte dei sistemi corporei, compreso quello nervoso. In questi processi patologici, possono  verificarsi delle malattie degenerative o legate all’età, come il morbo di Alzheimer e di Parkinson.

Tra i focus della ricerca c’è l’autofagia: un meccanismo cellulare di rimozione selettiva di componenti citoplasmatici danneggiati, nonché uno dei processi cellulari che vengono interrotti durante l’invecchiamento. L’autofagia difettosa è stata associata all’invecchiamento accelerato: l’induzione dell’autofagia può avere effetti anti-invecchiamento. In questo contesto si inserisce il cannabidiolo (CBD) e i suoi effetti benefici sull’organismo

I Risultati

Poiche’  l’autofagia compromessa è un segno dell’invecchiamento, i ricercatori hanno analizzato i livelli del processo con e senza trattamento con CBD. In conclusione, lo studio fornisce prove che il CBD ha contribuito a prolungare la durata della vita e a migliorare il deterioramento delle funzioni fisiche legate all’invecchiamento.I  risultati indicano che i geni dell’autofagia (bec-1, vps-34 e sqst-1) sono coinvolti negli effetti anti-invecchiamento del CBD, compreso l’invecchiamento neuronale. I primi a fornire i meccanismi anti-invecchiamento del CBD che promuovono la durata della vita e il miglioramento dell’invecchiamento e della longevita’. Si tratta quindi di un importante passo avanti per la scienza e per il miglioramento delle condizioni dei pazienti di tutto il mondo.