VINO AROMATIZZATO ALLA CANNABIS

Il vino aromatizzato alla cannabis è una tendenza del momento. Non occorre necessariamente acquistare costose bottiglie: è possibile preparare un buon vino alla cannabis comodamente da casa.

Spesso si sente parlare di vino aromatizzato alla cannabis. Il vino alla cannabis (canna-vino) è molto apprezzato nel settore della marijuana.. Alcune celebrità (Melissa Etheridge che ha anche un brand di vino alla cannabis) apprezzano il canna-vino.

PREPARAZIONE DEL VINO ALLA CANNABIS

Il vino alla cannabis non è una novità: molte persone aggiungevano cannabis al vino già secoli fa. Nell’antichità, il vino veniva spesso arricchito con erbe e altri additivi. Quindi, come erba, veniva anche usata la cannabis. Il vin brulé, vino “aromatizzato” con erbe è molto diffuso, specialmente in Europa.

PROPRIETA’ DEL VINO AROMATIZZATO ALLA CANNABIS

Il vino alla cannabis è un metodo di assunzione molto interessante. Il sapore è inebriante. Sia la cannabis che l’uva con cui si produce il vino contengono i TERPENI (aromi). In base alle varietà di cannabis, e ai tipi di vino, i terpeni offrono sapori e aromi particolari. Quando i terpeni di vino e di cannabis si mixano nella canna-vino, si crea, quindi, un bouquet aromatico inimitabile: si ottiene un’esperienza unica per le papille gustative!

Il vino aromatizzato alla cannabis sta diventando molto popolare anche grazie al suo effetto. L’alcool all’interno del vino crea un effetto molto vivace e intenso, aiuta a tranquillizzare e rilassare.

Il vino alla cannabis è un’ottima alternativa per chi non ama fumare e non assume cannabis tramite alimenti o altre bevande. E’ molto comune anche la possibilità dI assumere dei biscotti alla cannabis con un po’ di canna-vino. Inoltre il canna-vino è molto usato in cene con amici, in quanto si crea un vino ‘aromatizzato’ molto apprezzato

PREPARAZIONE DEL VINO ALLA CANNABIS

Il vino alla cannabis può essere poco economico, soprattutto se si acquistano marche sponsorizzate da personaggi famosi, nei dispensari “di lusso”. Per questo motivo, si è diffusa la preparazione da casa, con un notevole risparmio. L’alcool contenuto nel vino è una sostanza perfetta per estrarre i cannabinoidi. Il vino sembra fatto apposta per essere aromatizzato con le cime di cannabis e la operazione è piuttosto semplice.

Ci sono diversi metodi per aromatizzare il vino con cannabis.

Primo metodo: si usa una “bustina da tè” fatta in casa per mettere in infusione le cime.

Secondo metodo: si fa bollire insieme il vino e la cannabis per creare una bevanda aromatizzata.

METODO 1: INFUSIONE DEL VINO CON UNA “BUSTINA DA TÉ”

Mettere le cime di cannabis in infusione nella bottiglia di vino, con l’aiuto di un canovaccio chiuso a sacchetto. E’ una procedura semplice per aromatizzare ogni tipo di vino. Prima di fare ciò è indispensabile decarbossilare la cannabis.

INGREDIENTI

1 bottiglia di vino secco rosso o bianco

25g di cime di cannabis light, secondo gusto personale.

STRUMENTI

Una teglia da forno per decarbossilare la cannabis

Canovaccio

PROCEDIMENTO

Prima dell’infusione, è necessario decarbossilare la cannabis: in questo modo si attivano i “principi attivi” della cannabis. Spezzare le cime grossolanamente e posizionarale sulla teglia da forno.

Infornarle a 110°C per circa 45–60 minuti.

Dopo la cottura, estrarre la cannabis dal forno. Usare un grinder per tritare le cime. Più la cannabis è tritata finemente, più l’estrazione risulterà veloce.

Poi con un canovaccio o con una calza di nylon, creare una piccola sacca dove inserire le cime decarbossilate e annodare l’estremità. Mettere questa busta contenente la cannabis nella bottiglia di vino. E’ necessario che sia totalmente sommersa dall’alcool. Richiudere la bottiglia con il tappo.

Mettere la bottiglia di vino, con l’infusore di cannabis, nel frigorifero per 24 ore. In questo modo l’alcool nel vino estrarrà tutti i principi attivi dalla cannabis. E’ necessario agitare la bottiglia, di tanto in tanto, quando è nel frigorifero, per ottenere un’estrazione più omogenea.

Dopo 24 ore, spremere e strizzare nel vino la bustina contenente le cime e poi estrarla dalla bottiglia. In questo modo l’infuso sarà più potente.

Versare il vino alla cannabis in un bicchiere! Buona degustazione!

METODO 2 PER PREPARARE IL VINO ALLA CANNABIS

Con questo metodo si può ottenere un delizioso vino alla cannabis di grande sapore, grazie all’aggiunta di spezie. Il vino bollirà insieme alla cannabis, quindi non è necessario decarbossilare le cime di cannabis.

INGREDIENTI

1 bottiglia di vino rosso

25g di cime di cannabis light secondo gusto personale

4 chiodi di garofano

1 arancia, tagliata a fette

¼ cucchiaino di cardamomo

¼ cucchiaino di noce moscata

¼ cucchiaino di cannella in polvere

STRUMENTI

Casseruola grande o pentola grande

Canovaccio o colino

PROCEDIMENTO

Versare il vino in una pentola larga e accendere il fornello.

Tritare finemente la cannabis e metterla insieme al vino nella padella.

Aggiungere le spezie: i chiodi di garofano, il cardamomo, l’arancia, la cannella e la noce moscata. Questo mix donerà un sapore aromatico unico al vino, amplificandone. Gli agrumi e la vitamina C aggiungeranno un mix inebriante e unico con gli altri composti della cannabis, aumentandone gli effetti nel cosiddetto effetto entourage.

Fare bollire il composto. Lasciare cuocere per 2 ore, a fuoco lento, a coperchio chiuso, mescolando ogni tanto, evitando che il liquido evapori eccessivamente.

Dopo 2 ore, filtrare il vino, separando le spezie, con un canovaccio o un colino.

Servire. Buona degustazione!

Con questo metodo si ottiene un vino alla cannabis molto corposo e aromatizzato.

OSSERVAZIONI

L’alcool alla cannabis può produrre diversi effetti, secondo il gusto personale di ognuno. Ascoltare sempre il proprio organismo, per troverare il dosaggio ottimale e, di conseguenza, gli effetti desiderati!

#cbweedbuccinasco #curiosity #cbd #cannabislegale #vino #benessere @tutti